38 gradi sotto zero, sci con gli occhi bendati, pesce koolaid congelato e altro

38 gradi sotto zero, sci con gli occhi bendati, pesce koolaid congelato e altro

Vedi quella foto sopra? L’ho postato sul mio Instagram la scorsa settimana, con la didascalia:

“Sono orgoglioso di dire che queste mani malconce e bruciate dal freddo sono una delle prime al mondo a conquistare il primo pezzo dello Spartan Delta, insieme a stringere un’ambita moneta di arrivo, allo Spartan Agoge. “

Bene, stai per scoprire una storia elettrizzante: una storia che include 38 gradi sotto zero sofferenza da freddo, sci con gli occhi bendati, pesce congelato preparato a Koolaid e oh, molto altro ancora.

A meno che tu non sia un maniaco del fitness o un masochista, perché dovresti leggere di questa folle avventura?

Mettiamola in questo modo: se hai anche il più remoto interesse per le corse d’avventura, le corse a ostacoli, le abilità di sopravvivenza, le abilità nella natura selvaggia, le abilità di caccia o se vuoi semplicemente imparare a costruire la miscela definitiva di grinta, resilienza, perseveranza e un set di abilità pratico e fai-da-te che ti rende tanto cattivo quanto il personaggio di Leonardo Di Caprio nel film hardcore “The Revenant” …

… se vuoi diventare una persona migliore, fisicamente e mentalmente …

… allora stai per scoprire esattamente come farlo.

———————————

Cos’è lo Spartan Agoge?

Allora, cos’è esattamente tutta questa faccenda di Spartan Agoge?

Ti fornisco tutti i dettagli essenziali nel mio articolo “Hai quello che serve per essere uno dei cittadini più forti e mentalmente più duri della Terra? “, Ma in poche parole, è in parte un evento di resistenza e in parte un evento educativo, in cui apprendi una serie di abilità di sopravvivenza, tra cui la creazione di ripari, l’accensione del fuoco, la navigazione e ulteriori abilità essenziali nella natura selvaggia per aiutarti a sopravvivere per 48-60 ore sotto temperature gelide dentro e intorno a Pittsfield, Vermont.

Durante l’intero evento, sei impegnato in allenamenti (AKA “evoluzioni”) più classi, abilità, acquisizione di abilità e tutto ciò di cui hai bisogno per essere un cittadino del pianeta Terra estremamente feroce, ben equipaggiato e preparato.

/ p>

Quindi sì, è piuttosto unico. E in questo articolo, ti darò un’analisi completa di tutti e tre i giorni del più recente Winter Spartan Agoge (questo è stato numerato come “Agoge 001”), e riceverai anche consigli per il confezionamento, consigli per mangiare, recupero suggerimenti, suggerimenti per la preparazione mentale e fisica e molto altro ancora. Naturalmente, alcuni dei requisiti di attrezzatura, requisiti fisici e logistica possono cambiare per il Summer Agoge, ma indipendentemente da quale Agoge intendi fare, questo articolo accelererà notevolmente la tua curva di apprendimento e ottimizzerà la tua preparazione.

———————————

Come mi sono preparato per l’Agoge?

Cominciamo da qui: come mi sono effettivamente preparato per questa cosa?

Anche se rivelo la maggior parte dei dettagli essenziali nell’articolo “Hai quello che serve per essere uno dei cittadini più forti e mentalmente duri sulla Terra? “, C’erano davvero cinque componenti chiave che ho usato nella mia formazione.

Perché ammettiamolo: come padre, proprietario di più attività commerciali, autore e ragazzo a cui piace dilettarsi in una varietà di attività e hobby extracurriculari, semplicemente non ho il tempo di fare escursioni notturne alle 2 del mattino, 20 miglia di corse in montagna o viaggi epici in montagna per giorni alla volta per allenarmi. Diamine, se riesco a liberare dai 60 ai 75 minuti al giorno per allenarmi, allora per me è una giornata di successo. Quindi, sulla base di ciò, qual è stato il mio approccio un po ‘minimalista per questo evento?

Ecco cinque chiavi che penso mi abbiano aiutato un po ‘…

1) Tempo sui piedi. Nel mio articolo, “Come trasformare la tua scrivania in una workstation per decimare le calorie”. , Ti mostro come ho messo il mio ufficio per permettermi di stare in piedi e di essere impegnato in una varietà di posizioni, dal camminare allo stare in piedi, all’affondo all’inginocchiarsi tutto il giorno. Ciò significa che in un dato giorno di scrittura, consultazione, podcast, lettura, ricerca, ecc. In genere cammino lentamente ovunque nell’intervallo da 3 a 6 miglia e trascorro dalle 6 alle 8 ore in piedi. Questo aiuta davvero con la resistenza di tutti i piccoli piedi, ginocchia, testa e muscoli centrali necessari per lunghi periodi di tempo.

2) Intervalli HIIT. Se combinato con il tempo in piedi descritto sopra, posso semplicemente lanciare sessioni di allenamento ad intervalli ad alta intensità (HIIT) alla fine della giornata per mettere la ciliegina sulla torta. Come impari nel mio articolo “I due modi migliori per costruire la resistenza il più velocemente possibile (senza distruggere il tuo corpo)”, ci sono davvero due modi per costruire la densità mitocondriale necessaria per il successo in eventi lunghi: sessioni di aerobiche lunghe e lente o brevi raffiche di attività ad alta intensità. A causa dei miei limiti di tempo, scelgo quest’ultima (attenzione: se scegli questa strategia devi essere disposto ad andare alla grotta del dolore durante quegli intervalli). Ricevo molti dei miei allenamenti HIIT dal mio allenatore Yancy Culp.

3) Freddo. Ogni mattina, per diversi mesi andando nell’Agoge, ho fatto una doccia fredda da 5 a 10 minuti o un bagno in acqua fredda all’inizio della giornata e di nuovo alla fine della giornata. Ho anche mantenuto il mio ufficio tra i 55 ei 60 ° F. Quindi ho avuto solo un po ‘freddo per gran parte della giornata. Questo ha aiutato il mio corpo a costruire uno strato isolante di tessuto adiposo bruno e ha anche aiutato il mio corpo a imparare come trasportare il sangue in modo più efficace per essere in grado di affrontare lo stress da freddo. Puoi saperne di più su questo tipo di approccio nel mio episodio di podcast con Iceman Wim Hof.

4) Rucking Skills. Possiedo un ottimo pacchetto di oltre 7000 piedi cubi prodotto da un’azienda chiamata “Kifaru”. Quello che uso è l ‘”Australian Mountain Ruck”, ed è stato progettato in collaborazione con le forze militari australiane. Questo è un grande pacchetto in grado di gestire enormi quantità di attrezzatura, ma il controllo del volume è facile e può anche comprimersi per gestire carichi più piccoli. Questo è lo stesso zaino che uso per la caccia e ho imparato come caricarlo correttamente, come adattarlo il più saldamente possibile e, soprattutto, come adattarlo perfettamente al mio corpo usando le cinghie di carico , gli spallacci, la cintura in vita e la cintura pettorale. Sapere come adattare correttamente il tuo zaino e poi uscire per lunghe passeggiate con lo zaino è fondamentale per il tuo comfort durante un evento come questo. L’ultima cosa che vuoi sono le spalle e la parte bassa della schiena che ti urlano per tutto il tempo che sei all’Agoge. Ho usato questo PDF semplice e gratuito per assicurarmi di adattare correttamente il mio pacchetto. E poi mi sono assicurato che per un paio di mesi indossavo lo zaino ogni giorno per brevi periodi di tempo, anche quando camminavo per casa.

5) Passa lunghi periodi di tempo senza mangiare. Una chiave per allenare il tuo corpo su come essere metabolicamente efficiente, come bruciare i grassi in modo efficiente, come produrre e utilizzare chetoni e come non dipendere da frequenti poppate e picchi di zucchero nel sangue è semplicemente passare lunghi periodi di tempo senza mangiare, a tecnica che tornerà molto utile durante l’Agoge. Quindi la maggior parte dei giorni, I A) mangia solo tre pasti quadrati al giorno, senza spuntini; e B) andare 12-16 ore per qualsiasi ciclo di 24 ore senza mangiare (una tecnica nota come digiuno intermittente, o IF’ing). Descrivo tutte queste tecniche in dettaglio nell’episodio del podcast “Cinque semplici passaggi per trasformarti in una macchina bruciagrassi. “

OK, quindi ripassiamo: trascorri del tempo in piedi, metti la ciliegina sulla torta del fitness con HIIT, abituati al freddo, sappi come adattare il tuo zaino ed essere in grado di resistere per lunghi periodi senza mangiare. Avrai ancora bisogno di un piano di allenamento formalizzato (e posso aiutarti in questo), ma queste sono, secondo me, cinque grandi chiavi per lo Spartan Agoge.

———————————

Cosa mettere in valigia: attrezzatura Spartan Agoge cruciale

Ok, ora che sai come prepararti per lo Spartan Agoge, passiamo a una lista di cose da fare e a una lista di equipaggiamento.

Nel mio post su “World’s Toughest Mudder Race Report & Packing List”, impari a conoscere tutta l’attrezzatura necessaria per completare più loop di un percorso a ostacoli per distanze come 50, 75 o 100 miglia. Ma fare le valigie per lo Spartan Agoge è molto diverso. È più come fare le valigie per una caccia, un campeggio o un viaggio di sopravvivenza nella natura selvaggia.

Ecco le istruzioni esatte che mi sono state date via e-mail prima dell’evento:

“Presentati a RIVERSIDE FARM 3178 VT-100 Pittsfield, VT 05762 VENERDI MATTINA 12 FEBBRAIO alle 06:00 per la registrazione. L’evento inizierà puntualmente alle 08:00, tutti i partecipanti registrati devono essere registrati e pronti per partecipare entro e non oltre le 0745. Non fare tardi.

C’è una lista di equipaggiamento OBBLIGATORIA che ti aiuterà a completare AGOGE-001. Questa lista di equipaggiamento include tutto ciò di cui hai bisogno per sopravvivere. Devi portare questi elementi con te per completare con successo AGOGE.

ELENCO ATTREZZATURA OBBLIGATORIA:
– 1 pacco / ruck, volume interno minimo di 3500 pollici cubi
– 1 sacco a pelo minimo di 10 -degree rating, consiglia Primaloft o piumino
– 1 Il materassino consiglia un tipo di schiuma a tutta lunghezza, es. Ridge-Rest
– 1 Sacca da bivacco, misura adatta a te, sacco a pelo, imbottitura e stivali
– 1 Telo, 8 ′ x 8 ′ minimo, qualsiasi stile o tipo.
– 1 paio di stivali, minimo zero gradi, consiglia una fodera rimovibile per l’asciugatura (portane 2 paia se non hai fodere rimovibili)
– 1 paio di calzini, 4 pr, sintetici o lana, con 4 paia di solette leggere.
– 1 berretto in maglia, lana o sintetico
– 1 passamontagna, dovrebbe coprire la testa, il viso e collo
– 1 maschera da neve, può sostituire occhiali sportivi o da prescrizione
– 1 set strato di base, superiore e inferiore – no cotone
– 1 set di strati di calore, sopra e sotto – no cotone
– 1 set di strati di isolamento, sopra e sotto, consiglia isolamento Primaloft
– 1 set strato esterno, superiore e inferiore, resistente all’acqua e al vento
– 2 paia di guanti, consigliati con fodere “a contatto” rimovibili
– 1 paio di guanti
– 100 piedi di cavo per paracadute da 550
– 1 kit di avviamento antincendio, fatto in casa va bene
– 1 Coltello affilato
– 1 Fornello, per la produzione di acqua dalla neve. Consiglia MSR, XGK o un fornello a gas bianco equivalente. Includi pentola con coperchio
– 1 lampada frontale, con batterie di ricambio
– 1 paio di racchette da neve, consiglia il tipo MSR Denali o Evo o equivalente.
– 1 set di Kahtoola Micro punte o simili
– 2 flaconi Nalgene trasparenti per l’idratazione
– 2 kit per l’igiene dei pisolini bagnati
– 1 paio di bastoncini da trekking, consiglia il tipo regolabile con cestini da neve.
– Fettuccia da 25 piedi di un pollice
– 2 – 4800 calorie MRE
– 3 stick di luce chimica
– 1 bussola
– 1 pennarello nero
– 1 grande sacchetto della spazzatura nero con fascetta
– 2 carte da 3 “x5” in un sacchetto di plastica richiudibile / sacchetto con chiusura a zip
– Arriva sul posto con il tuo personale; “Pace Count”: per una distanza di 100 metri e la tua tecnica personale per usarlo mentre ci muoviamo nella foresta
– Altimetro barometrico: qualsiasi tipo che puoi trasportare, registrato in piedi, non in metri

Vieni preparato. Porta un cambio di vestiti per quando avremo finito.

Forniremo il resto dell’attrezzatura.

SPARTAN X:
Nella tua registrazione sono inclusi due moduli del programma online Spartan X. Tutti devono completare i primi due moduli di Spartan X, True North e Commitment. Riceverai questi due moduli in un’email separata.

Pagina Evento Facebook:
La comunicazione è molto importante. Comincia oggi a comunicare e coordinarti con i tuoi compagni compagni! Iscriviti alla pagina dell’evento su Facebook per incontrare i tuoi compagni compagni.

Parcheggio:
I partecipanti parcheggeranno nel parcheggio accanto al WHITE BARN presso RIVERSIDE FARM.

Spettatori e troupe:
non sono ammessi. Questo è un evento di formazione e come tale non ci sono spettatori, non c’è equipaggio. Questo sei tu contro l’Agoge.

Spiegazione dell’elenco di equipaggiamento:
Questo elenco di cose da portare è progettato per tenerti al caldo, al sicuro e vivo durante un intenso periodo di 48 ore di vita e di movimento attraverso le montagne, in profondità di un inverno del Vermont. Usato e indossato correttamente, rimarrai comodo e asciutto durante la missione Agoge.

Condurremo un’ispezione alla resa dei conti di tutta la tua attrezzatura. Le montagne di febbraio sono un ambiente esigente che richiede rispetto. A sua volta, ti chiediamo di rispettare questo elenco e di venire preparato.

Acqua: scioglierai la neve per un approvvigionamento idrico affidabile e pulito. Verserai l’acqua bollente dalla tua pentola, nei tuoi contenitori Nalgene da 1 litro, a bocca larga, e la utilizzerai per l’idratazione, nonché per asciugare gli stivali e riscaldare il sacco a pelo. Tutti gli altri “sistemi” di idratazione non soddisfano questa soglia di lavoro e molti falliscono al punto di congelamento o di ebollizione, o in entrambi.

Cibo: porterai tutto il cibo per tutta la missione. In generale; reidraterai il cibo in un sacchetto, per mantenere pulita la tua pentola.

Sistema per dormire: tutto il tuo equipaggiamento per dormire costituisce un sistema per dormire, riparo ed evacuazione. Si consigliano sacchi di contenimento e sacchi di compressione per mantenere le cose organizzate, accessibili e asciutte. Se hai problemi ai piedi; impacchetta gli stivaletti.

Racchette da neve: le ciaspole con telaio rigido e ramponi integrati sono collaudate per i viaggi in montagna sotto carico. Le ciaspole con fettuccia tipo hypalon e un semplice rampone vanno bene. ma si comportano male in confronto. I bastoncini da Trekking rendono gli spostamenti più sicuri e facili e sono utili per la costruzione di rifugi e per l’evacuazione.

Abbigliamento: il punto di abbigliamento in lana sintetica e di alta qualità; è traspirabilità. Abbigliamento invernale, adeguatamente indossato e ventilato; respingerà l’umidità esterna e scaricherà l’umidità interna attraverso tutti gli strati in modo che tu rimanga caldo e asciutto quando ti muovi e caldo quando sei fermo.

Igiene: il kit per l’igiene wetnap è per tutte le esigenze di igiene. Mettilo in una chiusura lampo.

OBBLIGATORIO: scarica il nostro Race Waiver. Stampalo, firmalo, portalo con te. Nessuna rinuncia, no AGOGE-001. Nessuna rinuncia, nessun AGOGE-001. Sì, l’abbiamo detto due volte. Questo è un elemento dell’elenco degli attrezzi obbligatorio.

Tutto ciò di cui hai bisogno per completare con successo AGOGE è elencato qui. Il resto sta a voi. Il tuo allenamento, la tua alimentazione e la tua mente dovrebbero essere pronti al 100% quando ti presenterai per la registrazione il 12 febbraio alle 06:00. Ci vediamo allora. “

Ora, sto per dirti esattamente cosa ho confezionato personalmente e posso assolutamente garantire per qualsiasi attrezzatura qui sotto. Scoprirai esattamente come sono andata più avanti in questo articolo, ma posso dirti che se segui i miei consigli sulla lista dei bagagli di seguito, avrai molte meno probabilità di contrarre congelamenti, ipotermia, esaurire le energie, scivolare e cadere, o trovarti in qualsiasi altro modo inadeguatamente preparato o inutilmente infelice. Quindi eccoci qui …

Innanzitutto, cosa mangiavo durante lo Spartan Agoge?

NON le 4800 calorie MRE consigliate.

Invece, ho optato per una scoperta segreta che ho fatto mentre ero in Finlandia un paio di mesi fa: questa roba chiamata “Ambronite”.

agogeambronite

È contenuto in un piccolo sacchetto verde, si miscela facilmente con l’acqua, ha un sapore fantastico, ha ESATTAMENTE 500 calorie a pacchetto per un facile conteggio delle calorie e contiene:

-avena biologica
-cocco biologico
-lucuma biologico
-clorella organica
-mirtillo selvatico
-olivello spinoso selvatico
-proteine ​​di riso integrale biologico
-ortica biologica
– crusca di riso biologica

– lievito alimentare
– spinaci biologici
– spirulina biologica
-mandorla biologica
-semi di lino biologici
-mela biologica
-sale minerale
– noce brasiliana biologica
– ribes nero biologico

Mi piace aprire un pacchetto, versare un po ‘d’acqua nel pacchetto, mescolarlo denso come un budino (foto di me che lo mescolo sotto!) e mangiare con un cucchiaio. È come Soylent per persone sane. Viaggio con questa roba anche per aeroplani, lunghi viaggi in macchina, ecc. Puoi fare clic qui e utilizzare “codice BEN” per uno sconto del 10% su qualsiasi cosa da Ambronite e per uno sconto di $ 20 su qualsiasi abbonamento alle loro confezioni di pacchetti di pasti.

12697343_10153275702241861_1345836500091384527_o

Insieme all’Ambronite, ho mangiato le barrette di Oatmega di Onnit, di solito spezzate e lasciate cadere nella mia Ambronite per un po ‘di consistenza e consistenza. Ho portato circa 10.000 calorie in totale: 10 bustine di Ambronite e 20 barrette di Oatmega.

Attenzione: ho sicuramente colto l’occasione portando il mio cibo piuttosto che il MRE consigliato dalla lista di imballaggio inviata da Spartan. Avrebbero potuto facilmente portarmi via tutto il mio cibo e affermare che non avevo preparato ciò che era specificato sulla lista di imballaggio. Tuttavia, a causa di un errore tecnico, ho ricevuto la lista dei bagagli solo un paio di giorni prima dell’evento, quindi non ho avuto il tempo di cercare le 4800 calorie MRE consigliate. La mia raccomandazione per te? Prepara il tuo carburante sano, ma presentati anche con MRE come riserva nel caso in cui il tuo carburante sano venga portato via.

Ok, a parte il cibo, qual era il resto della mia attrezzatura?

-Telaio della piattaforma da caccia Kifaru con spallacci e cintura, combinato con borsa AMR e coperchio di guida
-1 sacco a pelo Primaloft classificato a -10 gradi o inferiore
-1 Materassino solare Thermarest Ridge Rest
-1 Sacca da bivacco impermeabile mimetica Woodland, misura adatta a te, sacco a pelo, imbottitura e stivali -1 telo, minimo 8 ′ x 8 ′, qualsiasi stile o tipo.
-1 paio di stivali, valutazione minima zero gradi, consiglia una fodera rimovibile per l’asciugatura (portane 2 coppie se non si dispone di fodere rimovibili). Ecco una buona lista di marchi su Amazon. Consiglio vivamente il rivestimento di rimozione e la valutazione di zero gradi. Break ‘em in!
-4 paia di calzini di lana o sintetici per il freddo, con 4 paia di questi sottopiedi leggeri.
-1 Berretto in maglia, lana o sintetico
-1 Chaos -CTR Tempest Multi Tasker Pro Micro passamontagna in pile con rivestimento antivento
-1 di uno qualsiasi di questi occhiali da neve avvolgenti
-1 imposta lo strato Coldpruf Premium Performance, sopra e sotto
-1 imposta lo strato termico in lana come questo, sopra e sotto
– 1 set strato isolante Primaloft come questo, superiore e inferiore
-1 set strato esterno North Face, superiore e inferiore, resistente all’acqua e al vento
-2 paia di guanti con fodere rimovibili “tipo di contatto” – Consiglio il marchio GI Trigger Finger Cold Weather
-1 paio di guanti da freddo come questo
– 100 piedi di cavo per paracadute da 550
-1 kit antincendio
-1 di uno qualsiasi di questi coltelli da zaino leggeri -1 Fornello universale MSR WhisperLite
-1 Lampada frontale Princeton Tek Apex (portatevi batterie di ricambio!)
-1 paio di ciaspole MSR Evo
-1 set di micro punte Kahtoola
-2 flaconi Nalgene trasparenti da 1 litro
-2 mani Wet-Nap e Salviettine detergenti per il viso
-1 paio di bastoncini da trekking, consigliamo il tipo regolabile con cestini da neve.
-25 piedi di questo tubo da un pollice -3 di questi bastoncini luminosi chimici
-1 Bussola SUUNTO M-3 G
-1 pennarelli indelebili a punta fine retrattili Sharpie neri
-1 Cestino grande Quick Tie
-2 carte 3 “x5” in una busta richiudibile con zip
– Altimetro barometrico (ho usato questo SUUNTO Ambit3 Peak)

E tutto questo si adatta perfettamente alla mia borsa Kifaru AMR, confezionato super stretto e carino come ti pare.

pack

—————————–

Agoge giorno 1

Ok, ora che sai come prepararti e come preparare i bagagli per lo Spartan Agoge, passiamo a cosa aspettarti dal momento in cui ti presenti.

Per prima cosa, chiariamo le cose: faceva un gran freddo per Agoge 001. Di seguito le previsioni del giorno prima dell’inizio dell’evento. Una volta aggiunto il vento estremo che abbiamo riscontrato, le temperature in realtà sono scese fino a 38 ° sotto lo zero. Quindi metti tutto ciò che stai per leggere e la lista di imballaggio sopra, in quel contesto. Vieni preparato per il freddo se stai facendo il Winter Agoge.

agoge weather

Il giorno 1 è iniziato con la registrazione.

Non essere in ritardo per la registrazione. Mi sono presentato 10 minuti prima delle 6:00 e sono stato contento di averlo fatto. Le persone che non hanno letto attentamente le istruzioni e che invece si sono presentate alle 7:45 o alle 8:00 hanno avuto sicuramente dei problemi.

La registrazione è stata piuttosto semplice … siamo entrati nel grande fienile marrone, abbiamo consegnato le nostre rinunce, siamo stati controllati per circa 10 minuti da un medico e poi siamo usciti uno alla volta nella neve gelida per il controllo delle attrezzature.

Ecco come ha funzionato il controllo del cambio:

Passaggio 1) Passeggia in un campo innevato con la tua borsa, stendi il telo e stendi tutto il tuo equipaggiamento sul telo.

Passaggio 2) Stai lì, a congelarti il ​​culo, mentre un membro del personale versa la tua attrezzatura, si assicura che tu abbia esattamente ciò che è richiesto e confisca qualsiasi attrezzatura che non soddisfa ciò che è sulla lista di controllo .

Passaggio 3) Riponi la tua attrezzatura nella borsa e vai al ritmo iniziale.

Di seguito è riportata una foto di alcune persone in mezzo al campo che fanno controllare la loro attrezzatura.

12716426_10153275688921861_585283366456565829_o

Siamo quindi passati alla sconfitta iniziale. Quando ho partecipato al SEALFit Kokoro, la sconfitta iniziale includeva cose come farsi spruzzare acqua fredda in faccia da un tubo ad alta pressione, eseguire un numero empio di burpees dopo essere stato bendato e messo in un bagno di ghiaccio, demoralizzarsi per il caos completo e la confusione da parte degli istruttori della Navy SEAL e l’esecuzione di ginnastica ritmica fino a quando non vomitavi.

Non aspettarti niente di più piacevole dal primo abbattimento di Agoge. Per quelle che sembravano ore, stavamo rotolando sulla neve, strisciando nella neve, facendo ampi salti burpee nella neve, facendo centinaia di jumping jack, ansimando durante le corse suicide e praticamente ci stavamo esaurendo per completare la il freddo.

Alla fine, quando eravamo completamente esausti, ci siamo divisi in gruppi, proprio come gli equipaggi delle barche della spedizione di Shackleton (secondo me, devi leggere questo libro su Shackleton prima di partecipare ad Agoge), hanno rimescolato tutti i nostri zaini e le attrezzature e mescolato in modo che ci occupassimo tutti del pacchetto di qualcun altro e dell’attrezzatura di qualcun altro, e alla fine abbiamo assegnato il nostro primo grande compito di squadra.

Questa prima attività ha comportato il posizionamento di centinaia di libbre di attrezzi e rucks su una piattaforma di legno e quindi l’utilizzo dei nostri 25 piedi di tubi web per capire come rendere quella piattaforma trasportabile da sette membri del team, mentre un ottavo un membro del team sedeva al centro, annidato tra i branchi.

Inutile dire che l’intera configurazione si è rivelata davvero molto pesante. Il nostro team faceva letteralmente otto passi alla volta, si fermava, riposava, faceva altri otto passi e continuava a muoversi a passo di lumaca in questo modo per ore.

Mentre ci spostavamo per la fattoria in gruppo, ci siamo fermati in stazioni specifiche lungo il percorso per sessioni educative di 15-20 minuti. Nonostante la nostra estrema fatica derivante dalla cura di centinaia di libbre di attrezzatura, insieme a un membro del team in più, questa componente di apprendimento è stata davvero interessante.

Abbiamo imparato come identificare e gestire l’ipotermia, come costruire un rifugio, come costruire un fuoco, abilità di preparazione mentale e, naturalmente, come lavorare insieme come una squadra. Quando abbiamo completato un giro completo, mi sono reso conto che l’Agoge sarebbe stato molto più di un solo grande abbattimento come, ad esempio, la Spartan Death Race – e avrebbe invece coinvolto sia l’istruzione che il lavoro di squadra insieme a grinta e sviluppo della resistenza.

12711140_10153275693556861_2181441583882896873_o
Siamo quindi passati a qualcosa che sarebbe stato fatto letteralmente dozzine di volte nel corso di venerdì, sabato e domenica: un controllo dei piedi. Questo è esattamente quello che sembra … tutti si siedono per terra, tutti si tolgono gli stivali, i calzini e le scarpette, e dal nulla, come piccoli elfi magici, un’équipe medica sembra ispezionare i piedi e assicurarsi che nessuno sta subendo il congelamento.

Per me, è stato davvero bello sapere che qualcuno stava cercando le mie preziose appendici. Se i tuoi piedi fossero troppo bianchi o troppo blu o se mostrassi segni di congelamento e ipotermia, verresti tirato nel medico, riscaldato e poi rimandato nella mischia.

Non sorprende che, durante quei primi controlli del piede, molte persone siano state portate in medicina. Ma è stato abbastanza carino, nel corso del fine settimana, vedere i partecipanti migliorare sempre di più nell’apprendere come prendersi cura dei propri piedi e come gestire il freddo. Personalmente sono molto più fiducioso dopo aver completato l’Agoge di prendermi cura dei miei piedi e delle mie mani durante gli eventi futuri. E tenere le mani e i piedi al caldo durante lo snowboard sarà ora un gioco da ragazzi.

Ecco una foto di uno dei tanti controlli con i piedi.

footcheck
Dopo il controllo a piedi iniziale, siamo passati a un corso di un’ora molto completo di bussola, navigazione, uso degli altimetri, conteggio del ritmo e praticamente tutto ciò che avevamo bisogno di sapere per la prossima evoluzione ( “Evoluzione” è il prossimo evento o sfida del fine settimana). Una volta terminato il corso, a ogni squadra sono state fornite mappe e punti di navigazione e inviato nella gelida oscurità per una sfida di navigazione notturna.

12711031_10153275696291861_8097249937473328392_o

Ancora una volta, sono stato abbastanza felice di poter combinare le mie nuove abilità di orienteering con alcune difficoltà piuttosto difficili su e giù per le montagne intorno a Pittsfield. L’intero corso di navigazione è culminato con ogni squadra inviata nella foresta, verso mezzanotte, per creare rifugi abbastanza grandi da contenere tutta la nostra squadra, fare fuoco e raccogliere legna da ardere e impostare i nostri sistemi di sonno, inclusi teloni, sacco da bivacco, sonno borsa e materasso ad aria, in modo da poter sopravvivere durante la gelida notte all’aperto.

Quando abbiamo creato i nostri rifugi, c’era un chiaro senso di urgenza, per due motivi:

1) faceva molto freddo, e più velocemente raccoglievamo la legna da ardere e usavamo i nostri teloni, parapetti e tubi di tela per creare il nostro rifugio, più velocemente riuscivamo a riscaldarci di nuovo le dita;

2) c’era una possibilità esterna che saremmo riusciti a dormire nel rifugio una volta finito. Tenevamo tutti le dita incrociate sul fatto che sarebbe stato effettivamente così.

Verso l’una di notte avevamo finito il nostro rifugio e abbiamo designato una persona della squadra a guardare il fuoco per un’ora mentre il resto di noi dormiva. Quel membro della squadra avrebbe quindi svegliato la persona successiva per occuparsi del fuoco e noi avremmo continuato a ruotare in questo modo finché non venivamo strappati dal nostro sonno dagli istruttori Agoge.

Ma non ho chiuso occhio.

Dopo aver fatto Kokoro, in cui non c’era sonno per 64 ore, e una punizione piuttosto severa se ti fossi appisolato, sono entrato nell’Agoge aspettandomi lo stesso. Quindi, anche se ero in grado di strisciare nel mio sacco a pelo, rimasi semplicemente sdraiato lì sveglio, aspettandomi qualche orribile punizione se mi fossi davvero addormentato. Sfortunatamente per me, è così che sono cablato.

Ho iniziato il mio turno di cura del fuoco alle 3 del mattino. Per un’ora ho aggiunto tronchi e legna da ardere al fuoco, dietro il quale avevamo accatastato delle pietre per consentire a più calore radiante di entrare nel nostro rifugio.

Alle 4 del mattino, una squadra di istruttori è arrivata alla carica attraverso la foresta con i loro fari, abbaiando a noi che avevamo esattamente 30 minuti per smantellare completamente il nostro rifugio, demolire il nostro campeggio e tornare al grande fienile rosso per prepararci la prossima evoluzione. E così il Day 1 si è concluso e il Day 2 è iniziato …

———————————

Agoge giorno 2

Per iniziare il Day 2, la mia squadra, insieme alle altre tre squadre che erano state sparse per la foresta quella notte, si sono riunite nella grande stalla rossa per un controllo a piedi e in attesa di ulteriori istruzioni. Siamo stati divisi in due gruppi, ognuno composto da due squadre.

Il primo gruppo doveva salire su un autobus ed essere trasportato a diversi chilometri di distanza per un’evoluzione che comprendeva navigazione, repulsione, accensione del fuoco, escursionismo e dondolio e persino abilità di memorizzazione.

Si è scoperto che ero nel primo gruppo ed ero contento. Ho imparato che nella maggior parte di questi tipi di eventi, se sei il primo gruppo a sperimentare una sorta di evoluzione, in genere significa che qualunque gruppo rimanga indietro sarà coinvolto in una sorta di brutale festa della sofferenza. Inoltre, sapevo che, ora che mi sono reso conto che non c’era una punizione per aver dormito, avrei potuto davvero chiudere gli occhi su questo viaggio in autobus.

I 30 minuti di sonno che sono salito sull’autobus sono stati davvero una ricarica perfetta, e mentre ci fermavamo sul bordo di un lago ghiacciato, mi sentivo pronto per affrontare il secondo giorno. Siamo stati nuovamente divisi in squadre. Il primo compito affidato al mio team è stato quello di capire come inserire tutta la nostra attrezzatura in una canoa e quindi utilizzare la nostra cinghia a tubo per modellare le maniglie e un meccanismo di trazione per trascinare la canoa attraverso un lago ghiacciato fino al punto in cui dovevamo navigare per utilizzare le nostre bussole.

12698475_10153275698556861_6792899803668860514_o

Diverse volte, mentre attraversavamo il lago, c’erano forti crepe sotto il lago. Continuavo ad aspettarmi di cadere nel ghiaccio, ma fortunatamente non è mai successo. Abbiamo portato con successo la canoa al punto di destinazione e siamo passati alla fase successiva dell’evoluzione, che consisteva nel salire un ripido pendio per incontrarci con un istruttore di discesa in corda doppia, che doveva insegnarci come calarsi in corda doppia dalla parete di una serie di scogliere e dirupi rocciosi ricoperti di ghiaccio.

11143185_10153275699736861_8169832376081600483_o

Dopo la discesa in corda doppia giù dalle scogliere, siamo arrivati ​​a una stazione dei vigili del fuoco, dove sono state date istruzioni per utilizzare le stufe che abbiamo portato ad ebollizione dell’acqua dalla neve. Dopo aver completato con successo questa evoluzione, dovevamo usare la nostra mappa e le nostre bussole per navigare verso una terza parte dell’evoluzione, che era una stazione dei vigili del fuoco, combinata con la richiesta di memorizzare una poesia di 12 strofe come una squadra. La penalità per non ricordare la poesia era di 10 burpees per ogni parola mancata. Ci sono stati anche dati due minuti per generare un incendio.

Abbiamo diviso alcune strofe della poesia tra ogni membro del nostro team, acceso un fuoco molto rapidamente, completato con successo entrambe queste evoluzioni e alla fine siamo stati liberati per tornare al parcheggio per incontrarci con la navetta ed essere trasportato di nuovo alla fattoria. Ancora una volta, al ritorno, ho beccato un prezioso catnap di 20 minuti. Considerando l’espressione scioccata sui volti del gruppo che è arrivato per rimpiazzarci mentre lasciavamo la natura selvaggia, sapevo che probabilmente qualcosa di spiacevole ci stava aspettando alla fattoria.

Di sicuro, una volta tornati alla fattoria, siamo stati immediatamente portati giù dall’autobus e marciati verso la stalla marrone. Ci è stato chiesto di vestirci fino allo strato di base e di rimuovere le nostre scarpe, le nostre calze e le nostre calze. Le quattro ore successive sono state probabilmente alcune delle ore mentalmente più impegnative dell’intero evento.

Per farla breve, siamo stati costretti a stare sull’attenti per quattro ore. Hanno spento il riscaldamento nella stalla marrone. Il pavimento era gelido. I miei piedi hanno perso colore lentamente e sono diventati bianchi. Tutto il mio corpo, alla terza ora, tremava e tremava per il freddo. Ho semplicemente guardato fuori dalla finestra, ho impegnato il mio corpo in una respirazione profonda e ho cercato di meditare a modo mio attraverso l’intera cosa. È stato molto più difficile di quanto mi aspettassi stare al freddo per quattro ore consecutive.

Alla fine, il secondo gruppo è tornato dal deserto ed eravamo tutti in fila per ricevere i nostri prossimi ordini. A questo punto, ero un po ‘mentalmente esausto e anche più esausto fisicamente di quanto pensassi dopo essere rimasto fermo in un posto per quattro ore.

A questo punto il vento ululava e la temperatura si era abbassata notevolmente. Erano quasi le 6 di sera del secondo giorno. Non lo sapevo, ma questo giorno doveva essere il giorno più freddo che il Vermont avesse vissuto negli ultimi 50 anni e stavamo per passare l’intera notte fuori al freddo a farci abbattere da un’evoluzione dopo l’altra.

La prima evoluzione di questa lunghissima serata è stata una gara di sci, in cui ogni membro della squadra ha dovuto capire come legarsi a una coppia di assi di legno 2 × 6. Ogni membro della squadra tranne la persona sulla parte anteriore degli sci e sul retro degli sci era bendato. Dovevamo quindi capire come muoverci in gruppo, raccogliendo gli sci uno per uno e muovendoci a passo di lumaca attraverso un percorso ad ostacoli che era stato intessuto tra i campi della fattoria.

Non ti sto prendendo in giro: questa evoluzione è durata quasi quattro ore. A volte ci hanno fatto invertire la direzione e tornare indietro. A volte ci hanno fatto girare intorno ai coni. Se qualcuno cadeva dagli sci o se i piedi di qualcuno toccavano la neve, l’intera squadra doveva tornare all’inizio e ricominciare. L’intera rivoluzione è stata, scusate l’espressione, un completo fottuto mentale.

12697343_10153275702241861_1345836500091384527_o0

Verso mezzanotte, gelido ed esausto, abbiamo finalmente terminato l’evoluzione dello sci e siamo passati a qualcosa che ho considerato leggermente più piacevole. Quasi una dozzina di pesci congelati erano allineati nella neve e ad ogni squadra è stato affidato il compito di usare legna da ardere e rocce per costruire una sorta di meccanismo per cucinare questi pesci e per portare alcune calorie nei nostri corpi freddi.

12697343_10153275702241861_1345836500091384527_o1

Ogni squadra ha ricevuto un piatto. Uno dei membri della mia squadra aveva riempito la sua bottiglia di Nalgene con Kool-Aid, quindi il nostro piano generale era di riempire la pentola con Kool-Aid, scaldare la pentola sul fuoco e cuocere il pesce finché non iniziò a cadere a pezzi e lo sapevamo che era abbastanza cotto per poterlo mangiare, dato che a quel punto eravamo completamente affamati dall’evoluzione dello sci.

Il problema era che il tempo era così freddo che ci vollero quasi 20 minuti persino per accendere gran parte del fuoco. La pentola era congelata. Il pesce era congelato solido. Ci è voluto molto più tempo del previsto per trovare un modo per far bollire il Kool-Aid e cuocere il pesce nel Kool-Aid. Ma ce l’abbiamo fatta: e lo ammetto, anche in assenza di sale e pepe, questo è stato uno dei pasti più soddisfacenti che ho consumato da tanto, tanto tempo. Semplicemente pesce vecchio, cotto nel Kool-Aid e consumato a 38 ° sotto lo zero intorno all’una di notte nel bel mezzo di una giornata molto difficile.

Tuttavia, non abbiamo avuto molto tempo per gustare il nostro pesce. Fu a questo punto della sera che gli istruttori di Agoge tirarono fuori un’arma segreta: un agente delle forze speciali di Singapore, questo paracadutista con una vasta esperienza militare che sembra specializzato nel riuscire a far vomitare il pesce che avevano appena mangiato.

Questo ragazzo aveva effettivamente creato un’evoluzione piuttosto malvagia: una serie di secchi pieni di ghiaccio ghiacciato con cui noi come squadra dovevamo gareggiare. Immagina la brigata del secchio in una gara spartana, quindi congela i secchi e costringiti a fare una serie di corse suicide su scala, sprint, burpees, carry, hand-off dei partner ed escursioni con secchi pesanti. Questo è stato più o meno come è andata la prossima evoluzione per due ore. Di tutto l’Agoge, questo era il componente più anaerobico e fisicamente impegnativo. Probabilmente non ha aiutato il fatto che, ancora una volta, questa è stata la notte più fredda mai registrata nel Vermont per 50 anni, ed eccoci qui, a correre attraverso i campi con secchi gelati.

12697343_10153275702241861_1345836500091384527_o2

Dopo quelle che sono sembrate ore, con più partecipanti che sono stati trascinati in medicina per il freddo estremo e quasi tutti sull’orlo dell’ipotermia per ore, siamo stati finalmente riportati al grande fienile rosso. A questo punto, erano quasi le 4 del mattino. Non ero proprio sicuro di poter sopportare molto di più, ma sapevo che una volta sorto il sole, saremmo stati vicini alla fine. A questo punto, sapevo che se fossi riuscito a stare al caldo e sveglio, avrei potuto farcela.

E così è iniziato il Day 3 …

———————————

Agoge giorno 3

Francamente, il Day 3 è iniziato in modo un po ‘strano.

Una volta che siamo stati tutti trascinati nel grande fienile rosso, mi aspettavo che saremmo stati spinti immediatamente in una sorta di brutale sconfitta finale.

Ma non è successo.

Invece, ci è stato chiesto di stendere la nostra attrezzatura per dormire, arrampicarci nei nostri sacchi a pelo e dormire. Ora, se ti è capitato di leggere la mia descrizione delle ultime ore di SEALFit Kokoro, allora sai che quello che hanno fatto a Kokoro è stato portarci in una stanza per un’ora di hot yoga, seguita dalla posa del cadavere yoga, in cui ti trovi sdraiato sulla schiena in uno stato di completo rilassamento, cercando di combattere l’impulso di passare in uno stato comatoso completamente esausto. E poi, senza preavviso, vieni aggredito da megafono, acqua gelida, sofferenza fisica e mentale, caos e confusione totale per quasi 4 ore.

Quindi, quando ci hanno detto di salire nei nostri sacchi a pelo in queste ultime ore dell’Agoge, è esattamente quello che mi aspettavo. Ho pensato che avrebbero dato 20 minuti o giù di lì a tutti per addormentarsi in una serie completa di esaurimento, e poi saremmo stati bruscamente interrotti da un assalto di sofferenza fisica e esaurimento mentale.

Inutile dire che, con queste aspettative, non ho dormito. Rimasi sdraiato lì, ad ascoltare che una porta si aprisse, ad ascoltare i passi di stivali pesanti che entravano nella stanza e ad aspettare che ne seguisse il caos finale.

Sono trascorse due ore intere. Nella stanza echeggiavano russare e scoregge di pesce molto rumorose. Credo davvero che tutti tranne me si siano addormentati.

E poi finalmente, proprio come mi aspettavo, ho sentito dei passi e, poco dopo, una forte voce rimbombante: “Alzatevi tutti, ORA”.

Sì, era il momento della sconfitta finale.

Sarò perfettamente onesto con te: forse a questo punto ero insensibile al dolore, in realtà non era poi così male.

Non siamo stati gettati fuori nel fiume che scorre accanto alla fattoria. Non dovevamo uscire sotto la neve in mutande e rotolarci. Non abbiamo mai nemmeno lasciato il grande fienile rosso. Invece, come gruppo, abbiamo attraversato quasi 2 ore di tutto, dai burpees, ai calci flutter, a centinaia di squat, ai push-up, a 10 minuti di plank hold, a quasi ogni forma di esercizio del peso corporeo noto all’uomo. Ma non c’era molta demoralizzazione effettiva da parte degli istruttori. Era solo più un tentativo finale di drenare ogni minimo di energia dal nostro corpo prima che l’Agoge fosse finito.

Ancora una volta, poiché questo è stato il giorno più freddo mai registrato negli ultimi 50 anni nel Vermont, è possibile che qualunque cosa i poteri che erano stati originariamente pianificati per noi dovessero essere annullati a causa del freddo estremo, e invece è stato sostituito da un molto, allenamento a peso corporeo molto lungo.

Poi, mentre eravamo in piedi inzuppati di sudore e respirando l’odore del corpo fetido di tre giorni di spinte violente, siamo stati informati che avevamo ufficialmente completato Agoge 001.

Era finita.

Dato che queste cose di solito vanno, sembrava quasi un po ‘anti-climatico considerando quello che abbiamo passato negli ultimi tre giorni. Una volta che abbiamo raccolto i nostri corpi spezzati e sudati dal pavimento del grande fienile rosso, siamo stati divisi in piccoli gruppi per rivivere le nostre esperienze, abbiamo avuto una cerimonia celebrativa finale in cui abbiamo ricevuto magliette, felpe, medaglie e monete, e poi, dopo un sacco di abbracci, pompini e festeggiamenti, penso che quasi tutti siano andati al General Store per una colazione molto abbondante e calda.

Personalmente ho chiesto un passaggio per tornare a Boston e ho promesso a me stesso che una delle primissime cose che avrei fatto era dare la caccia a una bella sauna calda.

———————————

Come recuperare da The Spartan Agoge

Finiamo con alcuni articoli per le pulizie e alcuni consigli utili, vero?

Innanzitutto, spesso mi viene chiesto … cosa si mangia esattamente dopo aver terminato un evento brutale come lo Spartan Agoge di più giorni?

Io, voglio degli antiossidanti vegetali per combattere tutti i danni cellulari che si verificano a causa di un evento come questo, quindi ecco la ricompensa di Whole Foods che ho portato nella mia stanza d’albergo di Boston e ho divorato prima di svenire per la notte :

12697343_10153275702241861_1345836500091384527_o3

Sono 34 dollari di prelibatezze dall’insalata di Whole Foods e includono:

-Torte alla quinoa
-Cavolini di Bruxelles arrostiti
-Tortellini senza glutine agli spinaci
-Insalata di cavolo nero
-Aglio arrosto
-Melanzane arrostite
-Pepe arrostiti
-Zucca arrosto
-Insalata di finocchi
-Patatine fritte dolci

E il recupero fisico?

Il giorno dopo l’Agoge, ho postato sul mio Twitter che stavo “cercando una palestra” … e una risposta è stata “Non ti prendi giorni liberi?”

La mia risposta?

Regole di ripristino attivo.

Allora, qual è stato il mio “recupero attivo” dopo l’Agoge?

Prima del mio volo di ritorno, ho raggiunto la palestra Equinox di Boston per il seguente grande allenamento di recupero:

-30 minuti rullo di schiuma per tutto il corpo e fascia di mobilità
-5x 30 secondi hard / 30 secondi facile Versaclimber
-5x 30 secondi hard / 30 secondi facile ellittico
-5x 30 secondi hard / 30 secondi facile vogatore
-3 giri di 15 file di manubri, 15 torsioni del busto con cavo, 15 stacchi con barra esagonale, 15 file in posizione verticale (per colpire i muscoli in presa senza danneggiare molti muscoli usati per l’escursionismo / rucking / ecc. Nell’Agoge)
-30 minuti di serie di nuoto ipossico (altrettanti round il più possibile di due giri trattenere il respiro nuoto sott’acqua con le braccia, due giri trattenere il respiro nuoto sott’acqua senza braccia, due giri di nuoto a stile libero)
-30 minuti di sauna secca yoga

12697343_10153275702241861_1345836500091384527_o4

E dopo mi sono sentito come un milione di dollari.

Saresti piuttosto sorpreso di quanto ti riprendi quando incorpori strategie come mangiare molti cibi ricchi di nutrienti e vegetali, sudare e muovere il tuo corpo in una grande varietà di modi dopo un evento brutale come questo, in particolare rispetto a quello che probabilmente ti senti obbligato a fare, ovvero bere abbondanti quantità di alcol e stare a guardare la televisione.

Ho imparato in anni di gare Ironman e altri grandi eventi di resistenza che il modo migliore per riprendersi è semplicemente continuare a muoversi e resistere all’impulso di abbuffarsi di alcol e cibo spazzatura. è importante per me. Non posso davvero permettermi il tempo di ammalarmi o di perdere due settimane di allenamenti dopo un evento come questo, quindi do la priorità a riportare il mio corpo in salute il più velocemente possibile e, controintuitivamente, uno dei modi migliori per farlo è ricominciare subito ad allenarsi e combinarlo con molti cibi sani.

———————————

Riepilogo

Quindi è tutto. Sono felice di rispondere alle tue domande e ai tuoi commenti di seguito.

Se ti piacciono questi tipi di eventi, dovresti anche dare un’occhiata alla mia serie in tre parti su come prepararti per il famoso SEALFit Kokoro camp, un altro crogiolo simile. Avere uno-due Kokoro e Agoge sotto la cintura ti qualificherebbe ufficialmente, a mio modesto parere, come una delle persone più dure sulla faccia del pianeta, con un curriculum dannatamente impressionante.

Se sei ancora indifferente a tutto questo, e forse provi un po ‘di paura e un po’ di inquietudine nello stomaco per aver fatto qualcosa di questa portata di resistenza e grinta, allora ti incoraggio a leggere uno dei miei preferiti citazioni dal libro di Steven Pressfield “The War Of Art”.

Sei paralizzato dalla paura?

È un buon segno.

La paura fa bene. Come l’insicurezza, la paura è un indicatore. La paura ci dice cosa dobbiamo fare. Ricorda la nostra regola pratica: più abbiamo paura di un lavoro o di una chiamata, più possiamo essere sicuri di doverlo fare. La resistenza è vissuta come paura; il grado di paura equivale alla forza della resistenza.

Pertanto, maggiore è la paura che proviamo per un’impresa specifica, più possiamo essere certi che quell’impresa è importante per noi e per la crescita della nostra anima. Ecco perché sentiamo così tanta Resistenza. Se non significasse nulla per noi, non ci sarebbe resistenza.

Hai mai guardato Inside the Actors Studio? Il conduttore, James Lipton, chiede invariabilmente ai suoi ospiti: “Quali fattori ti fanno decidere di assumere un ruolo particolare?” L’attore risponde sempre: “Perché ne ho paura”.

Il professionista affronta il progetto che lo farà allungare. Assume l’incarico che lo porterà in acque inesplorate, costringendolo a esplorare parti inconsce di se stesso. Ha paura? Diavolo sì. È pietrificato. (Al contrario, il professionista rifiuta i ruoli che ha ricoperto in precedenza. Non ne ha più paura. Perché sprecare il suo tempo?)

Quindi, se sei paralizzato dalla paura, è un buon segno. Ti mostra cosa devi fare.

Penso che questo riassuma tutto, non è vero?

Se hai paura di cose del genere, registrati.

E lascia le tue domande, commenti e feedback sullo Spartan Agoge di seguito. Prometto di aiutarti! Se desideri una consulenza estremamente personalizzata, puoi fare clic qui per ottenere una consulenza Skype telefonica da 20 a 60 minuti con me o un piano di formazione per questo o qualsiasi altro evento.

12697343_10153275702241861_1345836500091384527_o5

Fai a Ben una domanda sul podcast

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *